Proveniente da studi classici e di composizione, negli anni '70 entra a far parte dello storico Gruppo Folk Internazionale, esibendosi in centinaia di concerti e incidendo i due LP Festa Popolare (1975) e Daloy Politzei (1977).
Collabora con diversi musicisti e cantanti popolari, tra cui Hana Roth, la più grande interprete vivente del repertorio di canti tradizionali e di lotta della cultura ebraica est-europea (1978), e compone ed esegue le musiche per Le mille e una notte, messo in scena dal Teatro dell' Elfo per la regia di Gabriele Salvatores.

Approfondisce intanto la scuola violinistica zigana a Budapest, e studia tecniche di violino indù e raga alla Benares Hindu University (India) sotto la guida di Purnendu Battacharie.

Nel 1986 riprende la collaborazione con Moni Ovadia, interrotta nell’80 con lo scioglimento del Gruppo Folk Internazionale:  cura le elaborazioni e gli arrangiamenti delle musiche per lo spettacolo di Dalla sabbia, dal tempo, regia di Mara Cantoni (1987), e, insieme a Pietro Marazza, Golem, prodotto nel '91 e rappresentato con grande successo in numerose piazze internazionali.
Continuerà a collaborare con Moni Ovadia, la Theaterorchestra, il CRT Artificio e il Piccolo Teatro di Milano nei successivi spettacoli: Cabaret Yiddish; Oylem Goylem; Dibbuk (1995); Taibele e il suo demone, con Pamela Villoresi, Madre Coraggio di Sarajevo, ideato da Giorgio Strehler, con Giulia Lazzarini; e Ballata di Fine Millennio (1997), sia come arrangiatore della maggior parte delle musiche eseguite dalla Theaterorchestra, sia come interprete del repertorio Klezmer e brechtiano proposto in quegli spettacoli.

Ancora per il teatro, ha composto ed eseguito dal vivo musiche di scena per diversi spettacoli, tra cui, con il violino elettrico, le musiche per Creatura di Sabbia, il testo di Ben Jalloud messo in scena dal Teatro Due di Parma per la regia di Daniele Abbado; e partecipato allo spettacolo Ultima forma di libertà, il silenzio, ideato da Moni Ovadia per le Orestiadi di Gibellina.

Da sempre interessato alla musica contemporanea, negli anni ‘80 ha partecipato all’esperienza della Democratic Orchestra di  Milano, la prima formazione italiana di musica d'avanguardia, composta da 25 elementi e diretta da Dino Mariani; in seguito ha collaborato con Riccardo Sinigaglia ed il gruppo Correnti Magnetiche (LP Correnti Magnetiche e Virtual Dimension); per proseguire, negli ultimi anni, nei concerti del gruppo Shams, musique de le rencontre Orient-Occident, con Ruggero Tajè e Ahmed Ben Dhiab; e con Alzek Misheff nelle performance presentate al Palazzo della Permanente di Milano e alla Biennale di Venezia nel settembre 2000.

Negli anni 90, in seguito a un approfondimento sulla musica argentina e ad un vivace scambio culturale con i gruppi di Tango Nuevo di Buenos Aires, ha partecipato al progetto della Arrigo Cappelletti New Latin Ensemble, concretizzatosi nel CD Pianure e in numerosi spettacoli di jazz-tango insieme ad Arrigo Cappelletti, Giulio Visibelli, Gianni Coscia.

Ha collaborato con ricercatori di musica tradizionale e cantautori come Luigi Maione, Claudio Sanfilippo, Alfredo Lacosegliaz, Ivan Della Mea, Claudio Sambiase, il gruppo pop Madreblu, il trombettista Mario Fragiacomo, i compositori Carlo Boccadoro, Alessandro Nidi e molti altri.
Ha partecipato come ospite solista a La Notte della Taranta edizione 1999, nella concertazione ideata e diretta da PIERO MILESI ;
e a quella del 2000, con concerto finale diretto da JOE ZAWINUL, e con Manolo Badrera, Richard Bona, Lelo Nika e l’Orchestra della Notte della Taranta.
Entrambi gli spettacoli sono ripresi negli omonimi CD.


All’attività concertistica ha affiancato una vivace attività didattica, insegnando in vari corsi di pratica strumentale violinistica, tra cui, a Milano, quelli organizzati dalla Cooperativa L’Orchestra, il Centro Sociale Leoncavallo, il Circolo ARCI Bellezza, il Teatro Officina, nonchè i corsi di violino e musica klezmer tenuti nel Salento nell’estate 2000, organizzati nell’ambito del festival La Notte della Taranta e sostenuti dalla Comunità Economica Europea.
Il prossimo seminario sul violino e la musica kletzmer si terra' presso il Conservatorio di Milano, con incontri a cavallo tra i mesi di novembre e dicembre 2008. Gli interessati possono chiedere informazioni tramite e-mail

 

Foto Daniela Ray

tratta dal libro Artisti di Strada Maurizio Deho' violino

 

indietro

Maurizio Dehò negli anni 70

Trofeo inSound
Nel settembre 2007 Maurizio Dehò ha ricevuto il 1° Trofeo inSound nella categoria Archi.
Il premio è assegnato dall'omonima rivista ai musicisti italiani distintisi per capacita' tecniche, artistiche ed espressive nella pratica del proprio strumento.

 

Maurizio Dehò                                   violino